Flusso di Coscienza

Ieri ho accompagnato i miei figli all’università. È stato incredibile come, in un attimo, io abbia rivissuto ogni attimo della loro vita.
Dalla loro nascita, l’asilo fino alla maturità, li ho tenuti per mano, guidati, sostenuti, incoraggiati e anche rimproverati…
Delle volte ho ceduto e pianto, in questo arduo compito di mamma/padre, spesso mi sono sentita sopraffatta, inadeguata, sbagliata. Altre volte mi bastava osservarli per essere felice e comprendere che la Vita ti fa veramente dei doni immensi.
Inutile negare che ieri ho provato una velata tristezza, perchè la Vita è veramente un “brivido che vola via” nel constatare l’indipendenza e l’autonomia che si affaccia nel loro cammino, con la certezza che questa splendida esperienza li renderà ancor più preparati al loro meraviglioso futuro.
Di conseguenza mi sento di donare un piccolo, ma grande, consiglio a tutti i genitori:”Godetevi ogni attimo dei vostri figli. Ogni singolo istante, sorriso, pianto ricordi indelebili nel cuore.Cercate di esserci perché Essere Presenti è il regalo più Grande che voi possiate far loro.
L’ Amore incondizionato parte da qui, parte da queste piccole e tenere anime che ci sono state affidate da Dio.”

Una Semplice Domanda

“Se per esempio muori all’improvviso di notte, tante cose rimangono incompiute.
Oggi so che ho il dovere di comportarmi in un certo modo nei confronti delle persone, di mia moglie, delle mie figlie perché non so quanto vivrò.
Quindi mi dà questa opportunità di scrivere le lettere, di sistemare assolutamente le cose.
La malattia non è esclusivamente sofferenza.
Ci sono dei momenti bellissimi.
La malattia ti può insegnare molto di come sei fatto, ti può spingere anche più in la rispetto al modo anche superficiale in cui viviamo la nostra vita.
La considero anche un’opportunità.
Non ti dico che arrivo fino a essere grato nei confronti del cancro, però non la considero una battaglia.

L’ho detto più volte. Se mi mettessi a fare la battaglia col cancro ne uscirei distrutto.
Lo considero una fase della mia vita, un compagno di viaggio, che spero prima o poi si stanchi e mi dica “Ok, ti ho temprato. Ti ho permesso di fare un percorso, adesso sei pronto.
Cerco di non perdere tempo, di dire ai miei genitori che gli voglio bene. Mi sono reso conto che non vale più la pena di perdere tempo e fare delle stronzate.
Fai le cose che ti piacciono e di cui sei appassionato, per il resto non c’è tempo. Siamo qui per cercare di capire il senso della vita e io ti dico: ho paura di morire.

Spero di vivere il più a lungo possibile, però mi sento molto più fragile di prima e ogni comportamento mi porta a fare questo ragionamento, cioè:
“È la cosa giusta che sto mostrando alle mie figlie?”.
In questo senso, cerco di essere un esempio positivo, cerco di insegnare loro che la felicità dipende dalla prospettiva attraverso la quale tu guardi la vita.
Cerco di spiegare loro che non devi darti delle arie, devi ascoltare di più e parlare di meno, migliorarti ogni giorno, devi ridere spesso e aiutare gli altri.
Secondo me, questo è un po’ il segreto della felicità.”

Una lezione di vita, Gianluca Vialli
Netflix – Una semplice domanda.